RECENSIONE ….MB 339 A Italeri kit n° 1354 scala 1/72 di S.Stefano GMR – RIETI

MB 339 A Italeri kit n° 1354 scala 1/72

… un po’ di storia…

Se si vuole riprodurre un modello nei minimi dettagli la prima regola fondamentale è quella di sapere alla perfezione cosa ci troviamo di fronte, e per saperne di più, bisogna conoscere un pò di storia che non guasta mai.

 

L’Aermacchi MB-339 è un aviogetto monomotore biposto da addestramento avanzato e da appoggio tattico leggero prodotto dall’azienda italiana Aermacchi (ora Alenia Aermacchi) dagli anni settanta e in dotazione principalmente all’Aeronautica Militare.

vista_frontale_mb_339_a

Nella sua versione MB-339PAN è stato velivolo utilizzato dalla pattuglia acrobatica nazionale Frecce Tricolori. La versione MB-339A, convertita inMB-339NAT, dal 2010 viene impiegata dalla pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi Uniti Al FursanThe Knights.

vita_laterale_dx_mb_339_a

il kit

Di recente l’Italeri ha fatto uscire sul mercato modellistico un kit in scala 1/72 che riproduce l’Aeromacchi MB 339 A. L’addestratore italiano è da anni il velivolo su cui si formano i piloti della nostra Aeronautica Militare e della forze aere di varie nazioni che spaziano dall’Argentina agli Emirati Arabi, a Singapore ecc. L’aeroplano è stato anche il purosangue cavalcato dai piloti della nostra pattuglia acrobatica nazionale le Frecce Tricolori. Già in passato Italeri ha dedicato una scatola dell’MB 339 alla versione della nostra Pattuglia Acrobatica, ora invece ci presenta la scatola dedicata alla versione operativa del nostro Macchino ai Leccesi tanto cara in quanto ospitata presso il vicino Aeroporto di Galatina.

Abbiamo già avuto modo di vedere e ammirare quanto siano belle e ben curate nella grafica siano le nuove confezioni Italeri con questa nuova finitura patinata assai gradevole, ma l’immagine in copertina parla chiaro, questa scatola è dedicata in primis agli MB 339A che l’Argentina utilizzò con gran risultato bellico nella Guerra delle Falkland contro la Royal Navy. Difatti gli MB 339 Argentini misero a segno molti colpi contro le unità navali della marina di Sua Maestà facendoli conoscere in una veste di velivoli antinave fino ad allora poco nota. La scatola fa parte della serie dedicata alla Guerra delle Falklands e va ad affiancarsi ad altre gia uscite e dedicate ai velivoli inglesi

Ma basta girare la scatola per notare la ricca scelta tra le versioni che il kit permette di riprodurre oltre la versione argentina, tra cui due dedicate all’Aeronautica Militare, ed una inedita per la scala 1/72 dedicata agli Emirati Arabi Uniti che sarà sicuramente molto gradita agli allievi arabi spesso ospiti della Scuola di Volo di Galatina.

    

Aprendo la scatola ci accoglie uno splendido foglio decals magistralmente realizzato dalla Cartograph con segnaletiche leggibilissime pur se microscopiche, coccarde dalle giuste proporzioni, colori nitidi lucidi e coprenti e perfettamente a registro.

Molto bello il fregio dorato del 61° Stormo col Pinguino e tra le decals sono presenti le luci di formazione passive implementate con la versione MLU che sarà possibile riprodurre aggiungendo qualche antennina autocostruita. Molto accattivante la versioni dell’aviazione degli E.A.U. in una bella mimetica sabbia e marrone chiaro. Pure la versione argentina ha una mimetica a due toni in crema e verde con superfici inferiori in grigio chiaro.

 

A scanso di equivoci le istruzioni sono chiare per il montaggio ed inequivocabili per gli schemi di colorazione tutti a quattro viste con nel retro scatola anche i profili a colori.

Andiamo ora a parlare di plastica. Come già avvenuto per il kit dell’MB 339 A Pan anche in questo caso le stampate sono mutuate dal kit omologo Supermodel, marchio di cui Italeri ha da tempo rilevato il marchio. Lo stampo Supermodel ora Italeri è con le pannellature a rilievo in positivo ma a parte questo cattura piuttosto bene le forme del Super Macchino. Molti modellisti bistrattano tutti i modelli con le linee di pannelltura in positivo, ma proprio di recente abbiamo potuto notare cosa, con un pò di sano modellismo, è possibile ricavare da questi kits sia nella splendida realizzazione dell’MB 326K  oppure dell’MB 326 A.

Del resto la reincisione di un piccolo kit come questo è assai semplice e richiede un’oretta di lavoro e poi basta tagliare i flaps per metterli in posizione abbassata tipica di parcheggio per ottenere un modellino gradevole. 

 

 

Il kit del 339 Italeri si compone di due stampate più una dei trasparenti. I pezzi del kit sono pochi ma sufficienti a riprodurre i dettagli principali e tra le opzioni ci sono la possibilità di posizionare l’aerofreno abbassato come di solito avviene in parcheggio e le tips d’estremità alare dei due tipi utilizzati, quelli piccoli a goccia per le versioni del Reparto Sperimentale, 61° Stormo versione A e Argentino  e quelli più capienti di forma cilindrica per le versioni EAU e 61° Stormo A MLU.

La stampata dei trasparenti è molto limpida e sottile e fornisce parabrezza e canopy separati da montare sia in posizione aperta che chiusa e la lente del piccolo faro presente sotto una delle ali.

Fin qui, direte voi, tutto da copione!. Ed invece no! A qualche occhio attento non sarà sfuggito il fatto che non ci troviamo di fronte ad una replica del kit Supermodel dato che vero è che sulla scatola non c’è alcun riferimento a modifiche degli stampi, ma pure vero è che invece in questo caso ci troviamo di fronte ad un “upgraded moulds”.

Già dal retro scatola un sospetto era venuto dato che due soggetti erano raffigurati con i pod subalari per i cannoni Defa. Ma in effetti non ci troviamo di fronte ad uno stampo reinciso ma sicuramente modificato per correggere uno dei maggiori problemi del vecchio kit Supermodel. Sono state tappate le griglie presenti sulla parte centrale superiore della fusoliera, considerate eccessive da molti modellisti, e sono state ripristinate in maniera più corretta ma anch’esse da reincidere.

Come già accennato la piacevole sorpresa sono i pods subalari dei che ospitano i cannoni Defa con relative munizioni. Questi Dettagli sono assolutamente inediti e di nuovo master molto ben riprodotti nelle forme per altro molto ben incisi in negativo, scomposti in tre parti e dettagliati anche nel lato di contatto con l’ala. Queste nuove parti sono assai ben fatte e sono di grande utilità anche si volesse riprodurre un Pan in addestramento al tiro o un 339 CD da altro kit quindi da conservare con cura in caso di inutilizzo. 

Tra i carichi sono disponibili dei serbatoi subalari e le razziere per l’attacco al suolo. Questo piccolo kit insomma permette di realizzare un modello da scatola fondamentalmente convincente e con qualche piccola modifica o aggiunta è possibile ricavarci un pezzo da concorso come evidenziato nei due modelli ricavati dall’analogo kit dell’MB 326 visibili nei links indicati ad inizio articolo entrambi premiati in mostre concorso nazionali. In aiuto del modellista meno smaliziato possono venire seggiolini in resina o set abitacolo completo dedicati a questo stampo dalla ditta Pavla acquistabili a parte come aftermarket. Insomma questo 339 Italeri è un kit per neofiti di facile montaggio da scatola o una buona base da rendere superdettagliata con un pò di sano modellismo. Per cui signori se volete farvi un regalino senza dissanguarVi e per gli amanti della scala 1/72 mano alla colla ed ai pennelli e buon divertimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *